News

Il tuo pc potrebbe gestire bitcoin senza che tu lo sappia

Alcuni siti web di videostreaming installano sul tuo pc , senza il tuo consenso, software per gestire criptovalute: praticamente, “regalate” soldi e potenza di calcolo inconsapevolmente.

La pubblicità sfacciata e l’utilizzo non autorizzato dei propri dati personali sono probabilmente per l’utente finale le forme di guadagno online più moleste. Purtroppo a breve dovremmo abituarci anche a questa pratica frequente che permette la vampirizzazione del nostro pc da parte di app e siti: l’utilizzo del (nostro) computer, di nascosto, per “gestire criptomoneta” (e non solo “bitcoin”).

Alcuni siti web di video streaming, in base a quanto riportato dal giornale Guardian, avrebbero misteriosamente utilizzato la potenza di calcolo del computer per minare la criptovaluta Monero, moneta diversa dai bitcoin, la cui estrazione può essere effettuata con una normale CPU poiché non richiede uno specifico processore.

PARASSITISMO   Minare le criptomonete come il bitcoin comporta un’attività molto gravosa in termini energetici perché implica l’esecuzione di svariati e complessi calcoli matematici per controllare la correttezza di tutte le transazioni compromettendo la velocità del device.  Per completare queste transazioni è necessaria una notevole potenza di calcolo: ogni operazione in bitcoin richiede infatti l’energia elettrica indispensabile a far funzionare simultaneamente 36.000 bollitori.

SENZA AVVERTIRE. Gli utenti avrebbero scaricato il software per l’attività di mining durante il download del player per i video senza rendersi conto. Non è raro che un sito web viene accusato di cryptojacking (cioè utilizzare i computer di qualcun altro a sua insaputa per insidiare bitcoin,). Era già accaduto, nel settembre scorso, col sito di videostreaming Pirate Bay, che si era difeso indicando nell’attività una nuova metodologia, alternativa alla pubblicità, per sovvenzionarsi. Ma è successo anche con provider wifi gratuito in Argentina.

BISOGNA ABITUARSI? Potrebbe essere che in futuro, come riporta un articolo su The Conversation,app e siti potrebbero utilizzare sempre più frequentemente al cryptojacking per ottenere introiti. Con alcuni tipi di criptovalute, l’attività di mining può essere effettuata da pool (gruppi) di più pc, ognuno dei quali controlla una piccola sezione di transazioni. A un pc oggetto di cryptojacking quindi potrebbero essere utilizzati solo alcuni secondi di potenza “rubata”.

COME PROTEGGERSI. Un modo per tutelarsi potrebbe essere quello d’informare gli utenti finali dell’installazione dei sw per il mining, in modo che possano decidere consapevolmente. In alternativa, è possibile provare a bloccarli attraverso un ad-blocker, come se fossero annunci pubblicitari.